bonus-pc-scadenza

Bonus pc e tablet, scadenza a fine settembre: come richiederlo.

Scade il 1° ottobre la possibilità di chiedere lo sconto fino a 500 euro per dotarsi di una connessione internet ultraveloce, di un pc o di un tablet.

Sta per scadere il bonus pc e tablet, la misura introdotta dal governo Contre bis che permette di dotarsi di una connessione internet ultraveloce, di un pc o di un tablet con uno sconto sul totale delle spese fino a 500 euro.
L’agevolazione scade il 1° ottobre, salvo proroghe: ci sono dunque poche settimane per fare richiesta e usufruire del buono.

Bonus pc e tablet, quanto vale

Il voucher può arrivare fino a un massimo di 500 euro, suddivisi in due parti: 200 euro di sconto per la stipula di un contratto o il potenziamento della connessione internet e 300 euro per l’acquisto di un tablet o di un pc.

Gli apparecchi, una volta acquistati, non sono in comodato d’uso ma rimangono di proprietà della famiglia che ha usufruito del bonus, mentre la connessione a internet deve essere preceduta da un contratto della durata minima di 12 mesi.

Bonus pc e internet, i requisiti

I destinatari della misura sono le famiglie con un reddito Isee non superiore a 20mila euro. Ulteriore requisito per poter usufruire del bonus è legato alla velocità della connessione che si intende scegliere, che dovrà essere di almeno 30 Mbit/s in download e 15 Mbit/s in upload. I fondi stanziati sono di 204 milioni di euro, disponibili fino a esaurimento delle risorse.

Bonus pc e internet, come fare richiesta

Il bonus va poi richiesto direttamente agli operatori accreditati e per farlo sarà necessario sottoscrivere un abbonamento internet casa da almeno 30 Mbps.
L’abbonamento dovrà avere una durata minima di un anno. Il decreto Mise stabilisce che il contratto dell’operatore sia di almeno 12 mesi, con possibilità di disdetta anticipata senza costi. L’operatore può, a 45 giorni dalla scadenza, proporre un rinnovo dell’offerta a condizioni – “perlomeno per i primi 12 mesi” – uguali o migliorativi rispetto all’offerta precedente.
Nella domanda di attivazione dell’abbonamento, oltre al documento di identità e al codice fiscale, si dovrà presentare all’operatore anche un’autocertificazione del proprio Isee che deve essere inferiore a 20.000 euro.
La richiesta del buono, contestuale all’attivazione dell’abbonamento, può essere presentata sia in via telematica sia direttamente in negozio, a seconda delle indicazioni che vengono riportate dalle diverse compagnie convenzionate. Il meccanismo è quello dello sconto diretto al momento dell’acquisto.

Leggi l’articolo originale su quifinanza.it

Comments are closed.