facebook-down

Facebook e tutti i suoi social in down: ecco cosa è accaduto.

Il flop dei social collegati con Facebook sarebbe stato causato da una errata configurazione dei router che controllano il traffico di rete fra i suoi centri dati.

Facebook e tutti i suoi social – InstagramWhatsapp e Messenger – finiscono in down per cinque lunghissima ore, un disservizi di portata globale, citato dalle principali testate in tutte le lingue del mondo. Una figuraccia clamorosa per Mark Zuckerberg, che è stato costretto a scusarsi personalmente per il disservizio.  Ma cosa è successo?

Una errata configurazione del server

Se qualcuno già pensava ad un attacco hacker è rimasto deluso. Il flop dei social collegati con Facebook sarebbe stato causato da una errata configurazione dei router che controllano il traffico di rete fra i suoi centri dati. Un errore che ha mandato la rete in tilt ed oscurato i social.t

“Questa interruzione del traffico di rete ha avuto un effetto a cascata sul modo in cui comunicano i nostri centri dati, bloccando i nostri servizi”, ha spiegato il vicepresidente di Facebook Santosh Janardhan.

L’azienda si scusa e anche Zuckerberg con un post

“Per l’enorme comunità di persone e aziende in tutto il mondo che dipendono da noi: ci dispiace”, twitta l’azienda, aggiungendo “abbiamo lavorato duramente per ripristinare l’accesso alle nostre app e ai nostri servizi e siamo felici di annunciare che stanno tornando online ora”.

Anche il fondatore di Facebook Marck Zuckerberg non ha lesinato scuse e, sempre via Twitter, ha annunciato dopo la mezzanotte italiana che i servizi erano tornati online. “Ci scusiamo per l’interruzione di oggi: so quanto vi affidiate ai nostri servizi per rimanere in contatto con le persone a cui tenete”, ha scritto nel post.

Titolo paga pegno a Wall Street

Wall Street non perdona le defaillance ed ha spinto al ribasso il titolo, che è arrivato a perdere quasi il 5%, complici anche le accuse di un ex manager, secondo cui Facebook avrebbe sempre alimentato l’odio sui social per aumentare traffico e contatti e fare soldi.

Leggi l’articolo originale su quifinanza.it

Comments are closed.