mutui-e-pandemia

Come la pandemia ha influenzato i mutui.

Tra le crisi degli ultimi decenni e l’attuale emergenza sanitaria, è possibile tracciare una breve storia dell’evoluzione che il mercato dei mutui e dei finanziamenti ha avuto negli ultimi vent’anni: ecco cosa ne emerge.

Gli ultimi vent’anni sono stati caratterizzati da molteplici cambiamenti del mercato finanziario, che hanno investito l’ambito dei mutui e dei finanziamenti. Dal passaggio all’euro alla legge Bersani del 2007, i provvedimenti si sono susseguiti fino a soluzioni innovative come quella dedicata agli under 36.

Proprio la legge Bersani ha significato l’inizio delle surroghe, un importante svolta. Ma il suo impatto effettivo è stato smorzato dalle varie crisi economiche globali, a cui l’Europa ha cercato di fare fronte. Nel 2014, infatti, la Bce ha dato adito a uno stimolo del mercato, grazie al quantitative easing, e al quale è conseguito un incredibile e inverosimile calo dei tassi: se nel 2014, infatti, l’Eurirs stava al 2% per i mutui a 30 anni, due anni dopo si era già dimezzato, fino allo 0,3% odierno, attestando una preferenza per il tasso fisso più che per il variabile.

Difatti a partire dal 2014 il rapporto tra mutui a tasso variabile e fisso era 35/65: oggi parliamo invece di una proporzione 90-10. A questa convenienza si aggiunge quella dovuta al Pandemic emergency purchase programme (Pepp), un programma della Banca centrale europea volto al sostegno durante la pandemia: in questo periodo l’Irs ha raggiungo livelli negativi.

Infine è stato grazie all’apporto dei giovani, cioè la fascia under 36, che il mercato dei mutui ha mantenuto la sua vivacità: il prodotto dedicato a questo target, infatti, è stato ben recepito e molto richiesto, e continua a essere in aumento. Il 30% delle richieste, infatti, nel 2021 è dovuto ai giovani under 36.Il periodo di emergenza sanitaria, in definitiva, ha contribuito molto al contenimento della rishiosità del credito erogato: proprio grazie alle misure straordinarie adottate, chi era in difficoltà non ha subito ulteriori danneggiamenti. Una di queste misure è sicuramente quella che riguarda la moratoria sulla sostenibilità delle rate delle famiglie: ciò ha consentito di sospendere il rimborso delle rate dei finanziamenti in corso.

Fonte: ilsole24ore.com

Comments are closed.